Business: perché puntare sui Millennial cinesi
Testo
Lunedì, 19 Febbraio, 2018
Ricchi, privilegiati, affamati di lusso e novità
Se vuoi far volare il tuo business punta sui giovani cinesi, la rivoluzione globale è nelle loro mani

Sono tanti, tantissimi. E soprattutto sono attenti alle mode e hanno una forte disponibilità economica.  Da tempo, i Millennial cinesi fanno parlare di sé: 400 milioni di persone pronte a investire sui mercati mondiali, senza che la parola “crisi” possa spaventarli.  

 

Possiedono un grande potere d’acquisto, in tutti gli ambiti, da cui il mercato globale può sempre meno prescindere.

Per eMarketer sono cinque gli aspetti da non sottovalutare.

 

1. Una vita online

 

La metà dei cinesi connessi via internet nel 2016 aveva tra i 20 ai 39 anni: WeChat e Weibo sono le piattaforme social più utilizzate. Il 76% di questi ragazzi crea contenuti originali per il proprio canale almeno una volta alla settimana rispetto al 41,8% dei loro coetanei americani.

 

2. “Casa dolce casa”

 

Un recente sondaggio di HSBC parla chiaro: il 70% dei Millennials tra i 19 e i 36 anni hanno delle case di proprietà, il più alto tasso rispetto ai 9 paesi analizzati tra cui Stati Uniti (35%) e Regno Unito (31%). Essere proprietari di case significa dedicare parte dei propri acquisti all’home décor rispetto a un affittuario.

 

3. Passione per il vino

 

I Millennials cinesi sono molto esigenti, i loro acquisti puntano sull’autenticità e la ricercatezza: la loro curiosità ha portato al boom delle vendite sugli eCommerce mondiali. Le categorie predilette sono i prodotti per la cura della bellezza e della persona, le raffinatezze culinarie (il vino d’importazione soprattutto), l’abbigliamento e gli accessori.

Dei 38 milioni di consumatori di vino importato, l’88% utilizza internet e nello specifico il 69% ricerca di informazioni sui prodotti e il 49% procede direttamente all’acquisto.

 

4. Gusto per i viaggi

 

Secondo Airbnb, il 93% dei Millennials in Cina considera viaggiare una parte fondamentale della propria identità. Il settore travel amplifica un identikit già chiaro di questa tipologia di consumatore: individualista, punta alla gratificazione immediata, cerca nuove esperienze che possano valorizzare la sua unicità.

 

5. Propensione all’acquisto pervasiva e in crescita

 

Una propensione all’acquisto davvero imponente che ha portato anche ad accuse di superficialità. Tuttavia, la gioventù cinese sembra molto più consapevole di quanto questi dati possano suggerire.

 

Per le imprese che vogliono raggiungere i loro obiettivi nel mercato Cinese, c’è un’unica soluzione: affidarsi a DHL. Un partner affidabile, forte del proprio know how, che ha fatto dell’eccellenza il proprio marchio di fabbrica.

 

Da sempre il grande paese asiatico è punto di interesse per DHL Express, pioniere in Cina fin dal 1980. In partnership con l’operatore logistico Sinotrans, DHL offre la copertura più estesa del Paese: 10 HUB & Gateway e 137 Service Center, capaci di servire circa il 95% della popolazione.

 

DHL è anche l’unico corriere espresso, certificato dalla Dogana Cinese come Authorized Economic Operator (AEO) nel 2015.

 

Scopri di più sulle offerte da e per le regioni del Celeste Impero, scaricando la brochure dedicata!