DHL, allunaggio in vista!
Testo
Giovedì, 20 Luglio, 2017
Il progetto vede la collaborazione con Astrobotic
La start-up di tecnologia spaziale e DHL vogliono allargare i loro orizzonti… al di là dell’atmosfera.

DHL Express è il leader mondiale della logistica. E, se questo non è un mistero, sorprende però il fatto che proprio DHL stia per dominare il settore del delivery anche oltre i 5 continenti. Per la precisione, anche oltre l’atmosfera terrestre.

 

Questo sconfinamento ha la sua genesi nella partnership con Astrobotic, una start-up statunitense che si occupa di ingegneria spaziale. Come recita lo slogan dell’azienda (“Immortalize your keepsake on the Moon”), l’obiettivo è trasportare sulla Luna qualsiasi oggetto che non presenti problemi di sicurezza nelle tre capsule DHL Moonbox. Chiunque potrà fornire materiale per testimoniare i costumi odierni alle future generazioni umane che abiteranno sul satellite: foto di famiglia, lettere d’amore, impronte digitali, ecc.

 

La consegna verrà effettuata nel 2019 dal Peregrine Lunar Lander, un veicolo spaziale in grado di trasportare carichi fino a 265 kg. Il servizio DHL Moonbox è ancora significativamente costoso, anche se meno del “gemello” proposto della NASA. I clienti possono scegliere fra tre capsule di trasporto, diversificate in base al costo e al peso e alle dimensioni del contenuto: la consegna della più piccola (1,27x0,32 cm) implica ad esempio un costo di €400. Il prezzo di trasporto è infatti di un milione di euro per ogni kg di merce.

 

Arjan Sissing, Capo del Corporate Brand Marketing al Deutsche Post DHL Group, ha precisato: “Lanciare una nuova era nella logistica insieme a Astrobotic è davvero affascinante: la nostra compagnia ha sempre scommesso sull’innovazione e questa partnership ci permette di aprire nuove porte in questo senso”. DHL e Astrobotic hanno dato il via al progetto-Luna solo lo scorso anno, insieme alla società di tecnologia spaziale Airbus Defense and Space.