DHL consegna con il nuovo A330-300P2F
Testo
Martedì, 12 Dicembre, 2017
Le spedizioni internazionali di DHL volano su nuove ali
DHL è la prima società del settore a fare uso di questo nuovo veicolo aereo

DHL si conferma la società leader nella logistica internazionale, anche per quanto riguarda l’innovazione. Nella sua flotta di veicoli per le spedizioni internazionali è infatti da poco presente anche l’A330-300P2F (Passenger-to-Freighter).

 

Si tratta di un nuovo aereo cargo, precedentemente adibito al trasporto passeggeri e convertito da Elbe Flugzeugwerke (EFW). Il prodotto è stato appunto realizzato dalla joint venture creata da ST Aerospace e Airbus. In particolare, ST Aerospace si è occupata dello sviluppo tecnico e ingegneristico, mentre Airbus ha messo a disposizione le sue competenze in termini di OEM data e certification support.

 

Lo scorso novembre, dopo una lunga fase di progettazione iniziata nel 2012, l’A330-300P2F ha ottenuto il Supplemental Type Certificate dall’EASA (l’Agenzia europea per la sicurezza aerea) e dalla FAA (l’Amministrazione Aviazione Federale statunitense).

 

L’A330P2F è stato quindi messo in commercio in due varianti: l’A330-200P2F e il più imponente A330-300P2F. Quest’ultimo è perfetto per le spedizioni internazionali B2B e il mercato cargo dell’e-commerce, caratterizzati spesso da grandi carichi e minor frequenze nei trasporti. Il velivolo può perciò consegnare oltre 62 tonnellate di carico a più di 3.650 miglia nautiche di distanza. Dati e performance strabilianti, se si considera che l’A330-300P2F offre il 20% di spazio cargo in più e un minor costo-per-tonnellata rispetto agli altri velivoli ad uso commerciali di dimensioni simili.

 

DHL ha quindi da subito messo in programma l’acquisto di ben otto A330-300P2F, con un’ulteriore opzione per riceverne altri dieci. Geoff Kehr, rappresentante del Global Air Fleet Management di DHL Express, ha voluto specificare: “Siamo entusiasti di essere la prima società a portare l’A330-300P2F nel mondo del commercio internazionale. Il primo velivolo sarà destinato al nostro network in Asia e nell’area del Pacifico, incrementando le nostre prestazioni in un mercato contraddistinto da una costante crescita in termini di volume dei trasporti”.