DHL in soccorso dei Caraibi
Testo
Martedì, 17 Ottobre, 2017
Il Disaster Response Team di DHL è in azione
3,5 milioni di persone colpite. Il DRT offre installazioni, attrezzature e logistica per rifornimenti assistenziali.

Lo scorso 20 settembre 2017, l’uragano Maria ha scatenato la sua impressionante forza distruttrice su Porto Rico. Il risultato? Danni gravissimi alla rete elettrica in tutto il Paese, scorte di cibo e acqua ai minimi storici, carburante (necessario per i soccorsi e gli spostamenti) quasi introvabile e, soprattutto, 3,5 milioni di portoricani sfollati o comunque attualmente in situazione critica.

 

Tra i primi soccorritori era presente anche DHL, con il suo Disaster Response Team. La squadra di volontari è stata capeggiata da Gilberto Castro, Manager del DHL GoHelp America, e da Chris Weeks, Direttore degli Affari Umanitari del Gruppo Deutsche Post DHL. Il DRT è atterrato a Porto Rico quando la situazione si doveva ancora stabilizzare dopo il passaggio dell’uragano.

 

Ancora oggi, il Distaster Response Team sta offrendo strutture ed equipaggiamenti logistici alla popolazione e agli enti locali. DHL Express ha inoltre già ripreso le operazioni di scalo nelle altre isole dei Caraibi colpite dalle recenti catastrofiche tempeste, iniziando dalle sue basi in Giamaica e a Trinidad. In questo momento, il team di DHL Express ha già fornito supporto logistico a migliaia di operazioni per i rifornimenti assistenziali.

 

Come nelle emergenze del passato che hanno scosso Nepal e Haiti, anche per Porto Rico il DRT si impegna a minimizzare i colli di bottiglia nel trasporto aereo. DHL Express, infatti, nella prima fase dell’emergenza ha usato i propri voli limitatamente al trasporto di generi di prima necessità per procedere gradualmente – solo al lento regolarizzarsi della situazione – alla piena operatività,grazie alle basi più vicinecentro del disastro (Giamaica e Trinidad, soprattutto).

 

Dall’inaugurazione della partnership con le Nazioni Unite nel 2005, il DRT ha già completato più di 30 missioni grazie al programma GoHelp, di Deutsche Post DHL. L’obiettivo del programma è proprio quello di evitare di rallentare il traffico aereo nella zona, per lasciare la massima disponibilità ai trasporti di beni e strutture di prima necessità.

 

L’invito rivolto a chi volesse contribuire è quindi dare un appoggio finanziario attraverso una donazione alle grandi agenzie di aiuto internazionali.

 

Nel caso di Porto Rico, DHL Express consiglia dunque di affidare il proprio versamento a UNICEF, Carribean Disaster Emergency Management Agency (CDEMA), Global Giving e Oxford Committee for Famine Relief (OxFam).