Esportare in Giappone: istruzioni per l’uso
Testo
Mercoledì, 13 Giugno, 2018
La terza economia più grande al mondo offre interessanti opportunità

Il Giappone continua ad essere una superpotenza tecnologica e industriale.

La sua fiorente economia e il notevole interesse manifestato per il commercio online fanno sì che rappresenti un'eccezionale opportunità per le aziende in cerca di nuove sfide di export.

Numerosi sono gli esempi di aziende di successo Made in Japan: Sony, Toyota, Panasonic, Nissan, Honda. Parliamo della terza economia più grande al mondo, preceduta solo dagli Stati Uniti e dalla Cina. I dati mostrano una crescita economica lenta ma costante soprattutto tra il 2016 e il 2017.

L’economia giapponese si concentra principalmente sul settore dei servizi e su quello dell’industria, rivelandosi meno forte per quanto concerne l’agricoltura. Per questo motivo l’importazione di prodotti agroalimentari è molto elevata. Ancora una volta è l’Italia a vantare un alto numero di esportazioni: tra i prodotti più venduti in ambito food troviamo prosciutto crudo, olio d’oliva, paste alimentari, pomodori pelati, vini fermi e formaggi.

I consumatori locali sono grandi estimatori della cultura italiana e mostrano di apprezzare le eccellenze del Made in Italy, anche per quanto riguarda il settore del fashion e quello farmaceutico. Lo dimostra il fatto che tra i Paesi dell’Asia orientale, il Giappone è il principale partner commerciale dell’Italia dopo la Cina.

Tuttavia, l’esportazione di prodotti alimentari nel Sol Levante è resa maggiormente complessa da regole e controlli stringenti.

Per semplificare le procedure di sdoganamento, DHL fornisce utili strumenti come schede informative, documentazione specifica e dettagliata, informazioni accurate riguardo agli oneri doganali.

Inoltre, l’azienda logistica gestisce elettronicamente la documentazione durante il transito, anticipando la risoluzione di possibili difficoltà. È, così, possibile ottenere l’approvazione doganale per molte spedizioni ancor prima del loro arrivo. Ciò è reso ancor più semplice dalla piattaforma EDI, condivisa con la Dogana giapponese. Tutte le informazioni indispensabili sono contenute all’interno della guida DHL Express che risponde a qualsiasi dubbio in merito alle esportazioni in tutto il mondo.

Non resta che inserire il Giappone all’interno della propria lista di obiettivi su cui puntare, per raggiungere nuovi traguardi commerciali.