Tecnologie del futuro
Testo
Venerdì, 19 Gennaio, 2018
Hyperloop conquisterà l’Europa
Il treno del futuro viaggerà a 1.100 km/h

Il 30 gennaio 2017 a Hawthorne, in California, Tim Houter ha vinto il primo premio nella categoria Design e Costruzione della SpaceX Hyperloop Pod Competition di Elon Musk, creatore del progetto SpaceX.

Si tratta di un sistema per il trasporto rapido di persone e merci che funziona grazie a grossi tubi nei quali far viaggiare – a mezz’aria – treni formati da capsule in grado di muoversi a una velocità di oltre 1.000 km/h. 

 

In quell’occasione DHL, consapevole delle ricadute che il progetto avrebbe potuto avere in un futuro anche non troppo lontano, si era occupata di tutta la logistica garantendo il trasporto del prototipo dal Vecchio continente alla California. Una sfida sia per l’alta tecnologia del manufatto (da preservare, naturalmente), sia per le varie frontiere da valicare, ognuna con norme specifiche.

 

A distanza di un anno, in occasione della ventitreesima conferenza dell’Onu sui cambiamenti climatici, la COP23, Tim Houter, pioniere del progetto Hyperloop Europa, ha promesso un test per il 2019 e una rete in tutta Europa per il 2035.

 

Affinché il suo progetto possa pienamente realizzarsi, saranno necessari fondi da parte di investitori stranieri come la Dutch National Railway, per esempio, e saranno fondamentali i supporti degli enti governativi.

 

Proprio grazie al coinvolgimento di quello olandese, infatti, prenderà il via la prima sperimentazione dell’Hyperloop in Europa, vicino a Delft. Un test che dovrebbe portare entro il 2021 al primo collegamento fra due città e nel 2035 una rete di Hyperloop attiva in tutta Europa.

Per trasformare davvero il nostro mondo in un villaggio globale.

 

Un villaggio in cui basterà mezz’ora per percorrere 500 chilometri, cambiando così l’idea stessa di città contigue e i rapporti produttivi ed economici tra Paesi apparentemente distanti.